LA DANZA DELL'ATTORE
DSC00254_Fotor
DSC00201_Fotor
DSC00154_Fotor
DSC00278_Fotor
DSC00272_Fotor
DSC00157_Fotor
DSC00276 bis_Fotor
DSC00280_Fotor

LA DANZA DELL'ATTORE

Anche se eliminiamo la parola, il costume, il proscenio, le quinte, la sala, finché rimangono l’attore e i suoi movimenti, il teatro resta teatro.

(V. Mejerchol’d)

 

SEMINARIO INTENSIVO A CADENZA ANNUALE

ideato e condotto da Silvia Battaglio

UN PROGETTO

ZEROGRAMMI/BIANCATEATRO

Il corpo respira, evoca, racconta storie, incarna ruoli, suggerisce emozioni, diventando luogo di quel movimento interiore che - traducendosi in azione fisica - è in grado di esprimere un sentimento, di comunicare un pensiero, un’intenzione, diventando così luogo sacro attraverso il quale veicolare autenticamente il suono, la parola, il canto stesso dell’esistenza.

Laddove il corpo danza, la voce parla in quanto prolungamento del corpo stesso da cui ha origine e dal quale trae la sua forza, la sua energia, la sua temperatura. Il seminario si focalizza sul metodo delle azioni fisiche - di derivazione Grotowskiana - che sono in grado di risvegliare, in modo fisiologico, il flusso energetico e l’immaginazione, e dunque la vita interiore di ogni possibile azione teatrale.

L’interprete può arrivare a realizzare la sua personale partitura fisica, come risultato di una graduale ricerca gestuale e corporea che, stratificandosi, darà luogo ad una linea di azioni connesse tra loro, articolate e ripetibili. Ed è proprio riuscendo a padroneggiare la partitura fisica in ogni sua fase, che risulta possibile immergersi nel processo di esplorazione, diventando liberi di far fluire le proprie emozioni, di approfondire la relazione con il personaggio, di aderire alla parola con autenticità e totale dedizione e, al contempo, con la forza della misura e del controllo.

 

Il seminario è finalizzato alla ricerca di quell’organicità tra corpo e voce che concorre alla definizione del performer, nella consapevolezza che forma, grazia e armonia di esecuzione siano elementi fondamentali senza i quali il senso di un’azione fisica e/o testuale rischia di esser privata del suo incanto.

 

Il seminario prevede una prima parte di training, una seconda di esplorazione/improvvisazione e una terza di creazione/composizione.

 

Particolare attenzione verrà posta al lavoro sull’ascolto, sulla qualità delle azioni fisiche e vocali, sull’uso prossemico dello spazio e sulla relazione con il suono e la musica.

 

 

Nello specifico, il seminario si compone dei seguenti moduli di lavoro:

 

1.   Training fisico-vocale attraverso esercitazioni di derivazione Grotowskiana

2.   Localizzazione dei luoghi adibiti al movimento e al suono

3.   Controllo e gestione dell’energia fisica e vocale: lo stormo

4.   Forma e articolazione del gesto

5.   Il corpo delle parole

6.   Contrappunto: relazione tra corpo e voce

7.   Ascolto, canto e ricerca delle polifonie

8.   Esplorazione e partitura delle azioni fisiche

9.   Relazione teatrale con il suono, la musica, l’oggetto e l’abito

10. Il sentimento del corpo: armonia e organicità

11. Ricerca e sperimentazione gestuale-vocale di gruppo

12. Esplorazione e composizione di un’azione teatrale

+NOTE:

Il seminario è a numero chiuso (massimo 12 partecipanti).

Per la partecipazione è necessario avere già esperienza di studio in ambito teatrale e/o coreutico e nutrire interesse per la ricerca del linguaggio corporeo-vocale/canto.

Si richiede di portare abiti comodi per la parte di training.

Durante il seminario si lavora su brevi testi e su un canto popolare proposti dalla docente, che verranno consegnati/inviati via mail, al momento dell’iscrizione.

Prenotazioni e informazioni su tempi, costi e modalità di accesso: 

333.2730308  |   info@silviabattaglio.it